come usare l olio di cocco

L’ ’olio di cocco si ottiene dalla polpa essiccata della noce di cocco, ed è molto utilizzato, soprattutto dalle donne polinesiane, come prodotto di bellezza, per idratare la pelle, proteggerla dai raggi solari, per prevenire ed attenuare le rughe, poi viene utilizzato anche sui capelli,per contrastarne la caduta, rinforzarli, lucidarli ed eliminarne l’ effetto crespo. Molte donne usano l’ olio di cocco anche per struccarsi, esso è tra le altre cose ottimo in cucina ed aiuta a prevenire l’ insorgere di alcune malattie, vediamo allora come usare l’ olio di cocco:

come accennato in precedenza l’ utilizzo maggiore che viene fatto dell’ olio di cocco è in campo cosmetico, ad esempio per idratare la pelle dopo la doccia, quando la pelle è ancora umida, potete prelevare un piccolo quantitativo di olio di cocco ( esso in estate sarà completamente fluido, in inverno invece avrà una consistenza cremosa) e massaggiarlo su tutta la pelle. Questa operazione, particolarmente indicata in estate, idraterà molto la vostra pelle ed allevierà i danni del sole, prevenendo anche l’ insorgere delle rughe e della desquamazione cutanea, inoltre essendo un prodotto totalmente naturale e non contenendo alcun agente chimico, vi farà soltanto bene. Potete usarlo anche sul viso anche se avete la pelle grassa, anzi pensate che aiuta anche ad eliminare i brufoli! Potete usarlo ad esempio come contorno occhi, per limitare le rughe d’ espressione e le borse. L’ olio di cocco usato sui capelli poi fa miracoli, l’ importante è usarlo sui capelli inumiditi, poi potrete applicarlo quando ad esempio siete al mare, per proteggerli dal sole o farvi un impacco pre- shampoo da lasciare in posa una mezzora prima di procedere al lavaggio solito ed infine se avete dei capelli afro e particolarmente crespi, potete usarne anche poche gocce sui capelli asciutti per metterli in piega. Inoltre potete integrarlo nella vostra alimentazione, essendo un potente anti-ossidante, per prevenire tumori e ritardare gli effetti delle malattie degenerative.