Come usare la pietra lavica

La pietra lavica è un materiale molto utilizzato da qualche anno a questa parte in cucina, in televisione infatti, sicuramente avrete notato il proliferarsi di televendite che pubblicizzano pentole e padelle realizzate con questo materiale, così come ne avrete notata la vendita nei negozi, e sui menù dei ristoranti, molto spesso è indicata la dicitura ” cotto su pietra lavica”, riferito principalmente a carne, pesce e verdure. La diffusione di questo materiale, non è una semplice “moda”, infatti, il successo di queste pentole è dovuto agli effettivi vantaggi che offrono. Queste pentole, realizzate con un mix  di polveri di rocce altamente refrattarie, utilizzabili quindi anche ad altissime temperature, basti pensare che è possibile utilizzarle direttamente sul fuoco. Queste pentole e padelle, danno la possibilità di una cottura completamente omogenea, infatti il calore si diffonde in ogni punto della piastra, inoltre, non necessita dell’a ggiusta di grassi, bastono quelli contenuti negli alimenti stessi. Se anche voi allora vi siete decisi ad acquistarla, vediamo insieme come usare la pietra lavica:

le pietanze ideali da cucinare sulla pietra lavica sono la carne, il pesce, le verdure, ma  anche piadine, pizze e pite, inoltre possiamo cucere alla griglia sulla piastra in pietra lavica, oppure se abbiamo optato per l’ acquisto di pentole, tegami e casseruole, possiamo preparare stufati, brasati, bolliti e tutto ciò che necessita di cottura lunga ed uniforme. Dopo l’ acquisto di pentolame in pietra lavica, si suggerisce di lavarle per la prima volta con acqua e sale, poi dopo averla lavata ed asciugata, cospargetela completamente con olio extra vergine di oliva we lasciate agire per un giorno intero, poi sarà pronta all’ uso. Dopo il primo utilizzo invece dovrete lavarla con semplice acqua ed aceto ( o bicarbonato o limone), l’ utilizzo dei detersivi chimici infatti è molto sconsigliat, essendo un materiale molto permeabile infatti, la pietra lavica si impregnerebbe degli agenti chimici dei detersivi che andreste inevitabilmente ad ingerire al prossimo utilizzo.