Come viaggiare in gravidanza

Molte donne in gravidanza si domandano se è possibile viaggiare nonostante lo “stato interessante” , nonostante l’ attesa della nascita di un bambino non sia una malattia che ci costringe a stare a letto vi sono delle credenze popolari difficile da sdradicare, spesso quindi la futura mamma, si sacrifica e decide di non viaggiare per paura di compromettere la sua salute e quella del suo piccolo, precludendosi quindi l’ opportunità di conoscere un posto nuovo e concedersi un po’ di relax, ma questo non è assolutamente necessario, salvo il caso in cui sia stato il medico stesso  a suggerirvi di stare a  riposo. E’ possibile dunque viaggiare in dolce attesa, adottando però degli accorgimenti precauzionali, vediamo quindi come viaggiare in gravidanza:

se dovete affrontare un viaggio piuttosto lungo, magari in aereo è sempre opportuno consultare prima il proprio ginecologo, il quale oltre a controllare lo stato di salute vostro e del nascituro, vi suggerirà al meglio come comportarvi. In aereo chiaramente dovrete tenere la cintura allacciata, bere molto durante il tragitto e quando possibile passeggiate lungo il corridoio per attivare la circolazione sanguigna. E’ comunque consigliabile indossare delle calze a  compressione graduata e scarpe molto comode. Gli stessi accorgimenti è opportuno tenerli per gli eventuali spostamenti da fare in treno ( offrono entrambe anche la comodità del bagno oltre ad una maggiore stabilità).

I viaggi molto lunghi in autobus o in macchina sarebbero invece da evitare in quanto presentano degli svantaggi evidenti  quali il rischio maggior di incidenti, maggiori scossoni e non avrete il bagno  a disposizione. Qualora l’ unico mezzo che abbiate a  disposizione sia proprio uno di  questi due allora dovrete organizzarvi  al meglio, bevendo tanta  acqua e mangiando  solo cibi solidi in modo tale da ridurre al minimo il rischio di nausea, e fermatevi di tanto in tanto, facendo una piccola passeggiata per riattivare la circolazione ed alleviare eventuali fastidi alla schiena.